Blog

7 miti nutrizionali che ti impediscono di dimagrire

come convincersi a dimagrire

Perché il “metabolismo speciale” non esiste? Come siamo ingannati dai cibi “a basso contenuto di grassi”? Allora, cosa mangiate per mantenervi in forma, soprattutto a colazione? Ho scritto le principali idee e raccomandazioni di famosi nutrizionisti italiani in questo articolo.

Mito 1. “non mangio molto, ma non dimagrisco”

C’è un mito secondo cui le persone hanno un “metabolismo speciale” che impedisce loro di dimagrire, anche se non mangiano molto. È sorto perché le persone spesso sottovalutano quante calorie assumono e sovrastimano quante ne consumano.

È impossibile costruire dei bei muscoli quando non si mangia abbastanza. Così come è impossibile sbarazzarsi del grasso in eccesso se si mangia più di quanto si consuma. In ogni caso, la metodologia del “mangiare poco” è inefficace sia per costruire muscoli che per dimagrire a lungo termine. Mangiare meno è stressante per il corpo, che semplicemente mette il corpo in uno stato di conservazione dell’energia e, tra le altre cose, in uno stato di immagazzinamento delle riserve di grasso.

Cosa fare?

Vale la pena tenere traccia di ciò che si mangia per una settimana. Scrivete tutto e controllate se la dieta corrisponde a come ve la immaginate. Capita spesso che un dolce di un collega e un panino occasionale passino inosservati. Una settimana di prova vi aiuterà a notare tutto e a decidere una dieta sana e confortevole.

Mito 2. “per dimagrire, devi mangiare proteine e niente carboidrati”

Le fonti di questo mito erano le diete a basso contenuto di carboidrati. Per esempio, la dieta Atkins, la chetodieta. Una dieta può essere utile solo in un caso – quando è prescritta da un medico, guidata da indicazioni mediche. Altrimenti una dieta è un’umiliazione per un organismo che ha bisogno quotidianamente sia di proteine che di grassi e carboidrati.

I carboidrati sono energia per le cellule e i tessuti. E soprattutto, sono necessari per il sistema nervoso centrale. Il solo cervello ha bisogno di 100 grammi di carboidrati al giorno.

I carboidrati possono essere:

  • Quelli semplici che si trovano nei dolci, nella frutta e nelle bacche.
  • Complesso, che si trova nei prodotti integrali, nelle patate e nel riso. Ti fanno sentire pieno per molto tempo.
  • Fibra, che si trova nella buccia della frutta, nei cereali e nelle verdure a foglia. È utile e sazia bene il corpo.

Quindi si possono mangiare carboidrati e dimagrire?

Una nutrizione sbilanciata, che include quantità eccessive di carboidrati veloci, combinata con uno stile di vita sedentario, porta all’aumento di peso. E in generale, i carboidrati sotto forma di frutta, bacche, verdure e cereali integrali sono una parte importante di una salute alimentare. Si può integrare con le compresse Idealis. In combinazione, danno energia e aiutano il corpo a recuperare.

Mito 3. “per dimagrire bisogna rinunciare al grasso”

Se si traccia la storia delle diete, si può vedere che in certi anni, la gente ha designato un particolare componente della dieta come nemico. Prima sono stati combattuti i grassi, poi i carboidrati. E in effetti, il grande segreto per dimagrire è semplicemente quello di consumare meno di quanto consumiamo quotidianamente.

I grassi sono davvero nocivi?

I grassi trans sono dannosi. Perdono i loro benefici per la salute e aumentano il rischio di diabete (usare farmaco Dialine per prevenire la malattia) e di malattie cardiache a causa del trattamento termico. I grassi trans si trovano in biscotti, fast food, dolci acquistati in negozio e prodotti da forno. I grassi sani sono:

  • Saturo, che supporta il metabolismo. Si trovano nelle carni, nei latticini e nelle uova.
  • Monoinsaturi che normalizzano i livelli di colesterolo e migliorano la salute della pelle. Contenuto in mandorle, avocado e olio d’oliva non raffinato.
  • Polinsaturi che migliorano il metabolismo e riducono il colesterolo “cattivo”. Contenuto in oli non raffinati: olio di mais, olio di soia, olio di girasole.

Ma nessuno ha cancellato la regola “bisogna conoscere la misura”. In quantità eccessive anche i grassi sani diventano dannosi e portano al sovrappeso. Per un migliore assorbimento e accelerazione del metabolismo si può prendere Slim4vit.

Mito 4. “i cibi scremati sono sani”

È un mito che ha avuto origine da qualche parte negli anni 50, quando il grasso era designato come il principale nemico del dimagrimento. Il mito è ancora vivo oggi, e un gran numero di prodotti etichettati “0% di grassi” si possono trovare nei negozi moderni.

Ma sotto l’etichetta 0%, i grassi trans e i carboidrati sono spesso mascherati. Sono aggiunti per il sapore. Per esempio, quando il grasso viene completamente rimosso dai prodotti lattiero-caseari, il risultato è una brodaglia pallida e insapore. I prodotti a 0% di grassi sono spesso più dannosi e calorici dei prodotti convenzionalmente “grassi”.

Mito 5. “restrizione calorica = perdita di peso”

Dimagrire – è un processo complesso, che non può essere limitato al conteggio delle calorie. Diete rigorose, problemi di salute, peculiarità metaboliche e ritenzione di liquidi nel corpo possono ostacolare il dimagrimento. A volte la mancanza di risultati significa che avete scelto il modo sbagliato per dimagrire. E a volte – che si vogliono risultati troppo in fretta e bisogna aspettare un po’. Dovete sempre considerare le vostre caratteristiche individuali e il vostro stato di salute, perché non esiste una ricetta universale per tutti.

Dimagrire è un processo complesso in cui bisogna considerare 4 fattori principali:

  • nutrizione;
  • dormire;
  • livello di stress;
  • attività fisica.

Mito 6. “non si può mangiare nelle due ore successive all’allenamento”

Dopo un allenamento, proprio come in qualsiasi altro momento, è dannoso mangiare troppo e indulgere in fast food e dolci. Ma hai bisogno di mangiare, perché dopo un allenamento il tuo corpo subisce importanti processi di recupero. Ha bisogno di energia e materiale per costruire i muscoli.

Naturalmente, non si dovrebbe mangiare troppo nello spogliatoio. Ma mentre ti cambi, fai una doccia e torni in ufficio o a casa, passa abbastanza tempo per poter mangiare se hai fame.

Mangiare dopo un allenamento influenza il recupero del tuo corpo. Se non mangi per due ore prima del tuo allenamento, poi certamente non mangi per un’ora durante il tuo allenamento, e ti lasci morire di fame per altre due ore dopo, questo è un sacco di stress per il tuo corpo. E lo stress elevato non favorisce mai il dimagrimento.

Mito 7. “solo il fitness ti aiuterà a dimagrire”

Naturalmente, l’attività fisica influisce sul dispendio calorico, sul tono muscolare, sulla salute delle articolazioni, sulla funzione del sistema cardiovascolare, respiratorio, endocrino e nervoso. Tuttavia, muoversi semplicemente per dimagrire non è molto efficace, purtroppo.

L’attività fisica è importante per la salute, ma senza cambiamenti nella dieta non sarà sufficientemente efficace contro l’eccesso di peso.

Una salutare nutrizione – è il fondamento del dimagrimento. È necessario che vi dia la giusta quantità di calorie, proteine, grassi e carboidrati. Senza diete rigide e sovralimentazione. Dopotutto, è un’alimentazione con cui si dovrebbe stare bene per tutta la vita. Una nutrizione che non metterà il tuo corpo sotto stress.

Basta guardarsi allo specchio e rendersi conto che in esso si vede la macchina più sofisticata del mondo. Dimagrire – è un processo molto complesso che si svolge in quella macchina. E vale la pena avere pazienza, perché ti dà anni di vita più comoda e più felice in armonia con te stesso.

Monica Ferrari
Monica Ferrari, classe 1985, è laureata in Scienze dell'Alimentazione e della Nutrizione Umana ed la caporedattrice de simep.it. Da anni si occupa di tematiche legate all'alimentazione, salute, cura della personea e dimagrimento.

LASCIA UNA RISPOSTA

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

0 %